Your browser does not support Javascript

Languages

user_bar_menu

Summer School on Blue Growth in the Euro-Mediterranean Region 2018 da lunedì 18 a venerdì 22 giugno 2018 a Pirano e da lunedì 25 a mercoledì 27 giugno 2018 a Trieste

Avrà inizio lunedì 18 giugno 2018 la Summer School on Blue Growth in the Euro-Mediterranean Region 2018, quinta edizione dell'evento internazionale di formazione sulla crescita sostenibile nell'area mediterranea, legato alla cosiddetta “economia blu”, l'insieme di tutte le attività economiche, scientifiche, culturali e sociali legate all'ambito marino e marittimo nel suo complesso. Un settore che a livello europeo impiega 5,4 milioni di persone, genera un valore aggiunto lordo di quasi 500 miliardi di euro l’anno e presentano ulteriori margini di crescita sia per quanto concerne i risultati economici, sia i livelli occupazionali.
28 tra ricercatori, scienziati e manager provenienti da Istituzioni, Università ed Enti di Ricerca di varie nazionalità - Egitto, Grecia, Iran, Israele, Italia, Giordania, Libano, Libia, Mauritania, Montenegro, Marocco, Olanda, Palestina, Portogallo, Spagna, Tunisia, Turchia – affronteranno due moduli, uno alla Euro-Mediterranean University – EMUNI a Pirano (dal 18 al 22 giugno) e uno all' Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS a Trieste (dal 25 al 27 giugno), per rafforzare le proprie competenze professionali nel campo della oceanografia, scienze marine e “crescita blu”.
 
La Summer School è organizzata dall'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS e dalla Euro-Mediterranean University – EMUNI. L'iniziativa si svolge con il supporto del programma Erasmus + dell'Unione Europea, dell'Unione per il Mediterraneo, del MIUR – Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, del Programma 5+5, dell'Iniziativa Centro Europea (CEI) e dell'Institut Francais.
 
L'evento si inserisce nel filone della Blue Growth Initiative, strategia a lungo termine dell'Unione Europea che riconosce che i mari e gli oceani rappresentano un motore per l’economia europea, con enormi potenzialità per l’innovazione e la crescita, e costituisce il contributo della politica marittima integrata al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020 per uno sviluppo intelligente, sostenibile e inclusivo. Parte integrante e fondamentale della Blue Growth Initiative, infatti, è la creazione di adeguate opportunità di formazione e di mobilità per una nuova generazione di scienziati marini che possiedano competenze cross- e transdisciplinari.
 
Gli obiettivi della Summer School on Blue Growth in the Euro-Mediterranean Region 2018 sono:
1) aumentare le competenze professionali e la qualità della ricerca nel campo delle scienze marine, clima aspetti connessi, la tutela ambientale e la gestione integrata delle zone costiere;
2) aumentare l'offerta formativa per estendere l'attuale sviluppo e crescita economica inerente le attività e gli aspetti legati al mare ai paesi del Mediterraneo.
In particolare si intende sostenere la creazione di percorsi di carriera stabili e attrattivi e formare “talenti” altamente qualificati che saranno necessari per supportare l'espansione settori marittimo e marino.
 
La Summer School accende i riflettori sulle sfide principali per le scienze marine in questo secolo, che ruotano intorno ai sistemi e alle loro interazioni e agli scenari integrati che comprendono il ruolo delle persone, dell'economia e delle politiche territoriali. Affrontare il cambiamento climatico, capire il funzionamento dell'ecosistema, gestire la sostenibilità: tutto questo richiede un approccio mentale molto più ampio di quanto era tipico soltanto un decennio fa. Ci si deve concentrare su temi concreti e cruciali quali la convivenza di usi potenzialmente conflittuali dello spazio marittimo: la regolazione del traffico merci e crocieristico; la tutela delle aree marine protette; l'identificazione di aree adibite alle pesca e agli allevamenti; la creazione di nuove piattaforme per l’estrazione di idrocarburi; l’utilizzo dell’energia dal mare proveniente da correnti, onde, maree; l’impiego di energia eolica ecc.
 
“Dopo il successo delle prime cinque edizioni della scuola promossa da OGS” spiega Mounir Ghribi, direttore della Sustainable Blue Growth Initiative di OGS – Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale “ Abbiamo deciso di allargare le attività verso la regione euro mediterranea grazie alla collaborazione di nuovo partner come l’EMUNI. Quella di Pirano infatti è una delle due Euro-Mediterranean University sostenute dall’Unione per il Mediterraneo” precisa Ghribi.
 
“Oltre il 70% del pianeta è coperto dall'acqua, è pertanto evidente che la cosiddetta “economia blu” sarà sempre più cruciale per la produzione di valore e l'occupazione. – Ha affermato Maria Cristina Pedicchio, Presidente di OGS – Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – I settori che coinvolge vanno dalle biotecnologie alle energie rinnovabili, dal turismo marittimo e costiero dalla costruzione e riparazione di imbarcazioni alla logistica, dall'acquacultura alla pesca, dall'utilizzo dei minerali alle estrazioni off-shore di olii minerali e gas. Per questo motivo è fondamentale formare adeguatamente ricercatori, scienziati e manager che si occupino dell'ambiente marino e di quello marittimo secondo un'ottica di insieme”.
 
Riferimenti:
 
Trieste, 16 giugno 2018