Your browser does not support Javascript

Languages

Giuliana Rossi

Giuliana Rossi's picture
Nome: 
Giuliana
Cognome: 
Rossi
Sezione: 
CRS
Telefono: 
0402140347
Qualifica: 
Primo Ricercatore
Istruzione: 

1993: Dottorato in Geofisica della Litosfera e Geodinamica

1988: Laurea in Scienze Geologiche, Università di Trieste.

 

Esperienza: 

2014-presente:coordinatore del Consiglio Scientifico dell’ Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale- OGS

2012-presente: membro del Consiglio Scientifico dell' Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale -OGS.

2011-presente: primo ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS, Centro Ricerche Sismologiche.

2008-2010: vice direttore del Dipartimento di Geofisica della Litosfera dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale-OGS.

2008-2010: primo ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale -OGS, Dipartimento di Geofisica della Litosfera.

2005-2010: coordinatore del gruppo di ricerca REDAS (Research, development and application for seismics) del Dipartimento di Geofisica della Litosfera dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale-OGS.

1995-2008: ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale-OGS, Dipartimento di Geofisica della Litosfera.

1994-1995: borsista dell’Istituto Nazionale di Geofisica (ING), presso l’Università di Trieste.

sett. 1993-genn.1994- Post-doc presso l’Institute of Theoretical Geophysics dell’Università di Cambridge (GB) con una borsa dell’Accademia Nazionale dei Lincei insieme alla Royal Society.

1989-1993: dottorando di Ricerca in Geofisica della Litosfera e Geodinamica- Università di Trieste.

Capacità e interessi: 

Ha sviluppato competenze specifiche nell’analisi di dati di deformazione crostale e nella loro relazione con i processi tettonici e geodinamici, nella tomografia sismica, nello sviluppo di nuovi algoritmi (inversione delle geometrie dei riflettori, tomografia d’attenuazione) e nell'applicazione del metodo tomografico per studi di tettonica crostale, ricerca d’idrocarburi, di gas-idrati, di risorse idriche, geotermiche, minerarie, per il monitoraggio nel tempo di giacimenti d’idrocarburi o di siti di stoccaggio geologico della CO2. Le diverse competenze sviluppate nel corso della sua carriera si traducono al presente in un approccio multidisciplinare allo studio delle deformazioni e dei processi tettonici che coinvolgono le rocce ed i fluidi in esse contenuti.

Ha partecipato e partecipa e numerosi progetti nazionali ed internazionali, per molti come referente OGS o principal investigator.

Ha spesso partecipato direttamente anche all’acquisizione dei dati che poi ha elaborato (campagna a mare con OBS al largo delle isole Svalbard nel 2001 nel progetto EU Hydratech-per lo studio di gas idrati; campagna a terra 2009 nelle isole Svalbard -Billefjorden per il progetto Paleokarst; campagna a terra 2014 nell'Adventdalen-Svalbard per il progetto PNRA IMPERVIA,campagne dei progetti nazionali ambientali MICA e Valeria, 2000 e 2003 nelle pianure friulana e padana e sul Carso goriziano, campagne di acquisizione dati nella miniera di Monte Sinni (Sulcis) 2007, 2008 e 2009).

E’ membro della Network of Excellence "CO2GeoNet" europea sullo stoccaggio Geologico della CO2, della Society of Exploration Geophysicists (SEG), dell’European Association of Geoscientists and Engineers (EAGE), dell'European Geosciences Union, è stata membro dell’Award Committee dell’EAGE dal 2010 al 2016, dal 2005 è Associate Editor della rivista Geophysical Prospecting e dal 2012 ne è Deputy Editor; è revisore per questa ed altre riviste internazionali.

 

Major projects: 

Tra i progetti in cui e' o e' stata responsabile scientifico per l'OGS, lo studio per la fattibilità dello stoccaggio geologico della CO2 nel bacino del Sulcis (progetto internazionale con la Carbosulcis Spa), i progetti europei CASTOR, CO2ReMoVe per studi di fattibilità, o di monitoraggio sismico attivo e passivo in siti dove lo stoccaggio geologico è in atto, il progetto del consiglio nazionale per le ricerche norvegese 3D Paleokarst in Reservoirs. E' stata principal investigator del progetto IMPERVIA del PNRA, in collaborazione con Università delle Svalbard (UNIS) ed il Centro per la ricerca sul petrolio (CIPR) dell’Università di Bergen (N); e' coordinatore e principal investigator del progetto MIUR premiale FASTMIT (FAglie Sismogenetiche e Tsunamigeniche nei Mari ITaliani) con INGV. Ha partecipato ai progetti Europei Hydratech, 4DTail, To3D, Sitechar, CO2Care, il progetto industriale Trans Adriatic Pipeline seismic hazard per quanto riguarda la parte geodetica.

 

Lingue parlate: 
Inglese, Tedesco